17 settembre: ZZ HOT Tributo ZZ TOP

0
527
ZZ TOP

17 settembre: ZZ HOT Tributo ZZ TOP

Eccoci con un altro evento targato New Italian Burger in cui l’America e il Rock ‘n Roll si fanno sentire!

Dopo l’eccezionale tributo AC/DC con i Riff Raff,  il 17 settembre vi aspettiamo con un altra band tributo degli ZZ TOP….. ZZ HOT!!

Ma andiamo a conoscere meglio il tributo alla band… molti di voi forse non li conoscono bene come altri.

Prima di farvi conoscere chi sono, ascoltiamo un loro grande successo!

Chi sono gli ZZ TOP?

Gli ZZ Top sono un gruppo rock statunitense formatosi nel 1969 a Houston in Texas. Si distinguono per aver mantenuto la formazione originale dopo più di 40 anni.

Ecco chi sono:

  • 50 milioni di album venduti (di cui 25 milioni negli Stati Uniti)
  • 8 successi nella Top 40 delle classifiche statunitensi
  • 6 prime posizioni sulla Mainstream Rock Chart
  • 3 MTV Video Music Awards conquistati

La band è tuttora in attività e continua a pubblicare nuovi album e ad esibirsi in tour.

Gli ZZ Top, il 15 marzo 2004, sono stati inseriti nel Rock and Roll Hall of Fame.

La storia della band

I membri degli ZZ Top (Billy F. Gibbons, voce e chitarra; Dusty Hill, basso e voce; Frank Beard, batteria), prima di unirsi nel tardo 1969, avevano suonato in numerose band texane.

Fù Billy Gibbons a dar vita a quel che si può definire la composizione embrionale degli ZZ Top.

Era il 1969 e per le strade di Houston, TX, il giovane ventenne decise di dar fusione ad un intreccio di musica psichedelica, blues e rock.

Risultato?

Un sound unico quanto originale che ha faticato, e non poco, a trovare la sua precisa identità e che una volta trovata si impresse su di loro come un marchio di fabbrica, inimitabile, quanto necessario per spiccare nella pangea sonora degli anni ’60 e ’70 dove il vento del cambiamento lo si respirava per le strade, i miti della musica moderna stavano prendendo forma e l’espressione musicale si frammentava in una infinita quantità di generi, sottogeneri, e quant’altro potesse venir fuori dall’unione di una manciata di note.

Billy Gibbons  aveva idee di rock precise e per portarle avanti aveva bisogno della gente giusta. L’alchimia doveva essere immediata e di certo pecche non erano ammissibili.

Questi ragionamenti spinsero Billy a cambiare i due componenti iniziali Lanier Grey e Dan Mitchell, puntando tutto sui due musicisti più talentuosi di un’altra band Texana già famosa nell’underground di Dallas: gli American Blues, nelle persone di Frank Beard e Dusty Hill.

A quel punto la perfezione dei tre era stata raggiunta. Ora serviva scriverne la storia.

All’inizio della carriera Gibbons e compagnia faticarono ad uscire dai confini del Texas, terra natia, con i loro primi due album ZZ Tops First Album e Rio Grande Mud e la critica sin da subito stroncò il loro talento.

Tuttavia sin da principio era chiaro l’intento: base rock, influenze blues, animo country. Questo era il canovaccio della band e il mix perfetto stava arrivando. Il successo appariva imminente.

Ma a noi se non son pazzi e stravaganti non ci piacciono!

Il look degli ZZ TOP

Oltre ad essere noti per la loro musica, sono anche ricordati come gruppo dall’apparenza trasandata: Gibbons e Hill sono sempre fotografati con degli occhiali da sole, abbigliamento simile, e quello che fa degli ZZ top il loro trademark: le lunghe barbe.

zz top look

Oltre a barba e occhiali da sole, un loro marchio distintivo sono i copricapi, che, soprattutto per Billy, hanno quasi un significato sacro, infatti non compare mai in una copertina senza un cappello o una bandana (lo stesso durante i live).

Nel 1984, la nota compagnia di rasoi Gillette, offrì a Gibbons e Hill un milione di dollari per rasare la loro barba per una pubblicità, ma l’offerta fu rifiutata. L’unico membro della band a non portare regolarmente una lunga barba è il batterista Frank Beard (il cui cognome, in inglese, vuol dire proprio barba).

Non vedete l’ora di partecipare al super evento? bene, allora vi aspettiamo tutti il 17 settembre al New Italian Burger di Rovigo!

Save

Save

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here